La Anthea Cup si chiude con la vittoria di Ragusa sul Famila Wuber Schio

74ccc97a-2e32-48b5-a3fa-af38659bf70f
Postata il 4 Apr 2016 - 6:39am da Famila Schio News

Ancora una partita thrilling, ancora una sfida fino all’ultimo respiro tra Famila Wuber Schio e Passalacqua Ragusa: la finale della Final Four Anthea Cup segna un nuovo spettacolo sportivo nella sfida tra scledensi e ragusane. Questa volta vince Ragusa 67-70 e mette in bacheca il primo trofeo della sua storia. Una partita punto a punto, duelli intensissimi sotto le plance e dai tiri da fuori hanno segnato questa finale al cardio palma e ancora una volta, in questa serie che ormai sta segnano il basket femminile italiano degli ultimi anni, gli ultimi secondi sono stati quelli decisivi.

Nel complesso la Final Four Anthea Cup è stata una kermesse di primo livello dentro il campo, con partite sempre tutte molto incerte e combattute, e fuori con la macchina organizzativa del Famila Basket Schio che nulla ha lasciato al caso. Il PalaRomare, così, si è rivelato una volta di più, uno dei principali teatri della pallacanestro italiana.

coppa_italia

Famila Wuber Schio – Passalacqua Ragusa 67 – 70 (18-19, 43-45, 53-56)
FAMILA WUBER SCHIO: Yacoubou I. 20 (7/15), Gatti G. 2 (1/2, 0/1), Sottana G. 8 (4/9, 0/2), Battisodo V. NE , Anderson J. 7 (2/4, 1/5), Masciadri R. 3 (0/2, 1/4), Walker A. 4 (1/6), Zandalasini C. 7 (2/4), Ress K. 2 (0/2), Macchi L. 14 (3/5, 2/7), Bestagno M. NE ,
PASSALACQUA RAGUSA: Consolini C. 8 (1/4, 2/5), Gorini M. 6 (2/6), Valerio L. NE , Erkic M. 7 (1/6, 1/3), Ngo Ndjock M. NE , Gonzalez D. 3 (1/3, 0/1), Nadalin J. (0/2), Little M. 22 (4/9, 3/6), Brunson R. 22 (8/19), Micovic M. 2 ,
ARBITRI:Chiara Maschietto, Silvia Marziali, Angela Rita Castiglione
NOTE: Famila Wuber Schio tiri da due 20/49 (40,8%), tiri da tre 4/19 (21,1%), tiri liberi 15/21 (71,4%), rimbalzi dif. 31, off 12, palle perse 10, rec. 13. Passalacqua Ragusa tiri da due 17/49 (34,7%), tiri da tre 6/15 (40%), tiri liberi 18/24 (75%), rimbalzi dif. 34, off 13, palle perse 13, rec. 11.

Commenta